In ognuna di noi c’è un po’ di Brigitta

Voglio parlarvi di un personaggio dei fumetti che io e Crystal abbiamo particolarmente a cuore, Brigitta McBridge, la papera bionda nota nell’universo disney per i suoi continui tentativi di fare breccia nel cuore di Paperon de Paperoni.
Brigitta è un’icona, non solo è l’emblema di tutte le ragazze e di tutte le donne che soffrono per amore, ma anche di quelle che non si arrendono mai e sanno cavarsela perfettamente da sole.
Se qualcuno vi dice “Sei un po’ Brigitta”, prendetelo come un complimento anche nel caso in cui il vostro interlocutore non lo interpretasse in questo senso.
Quale donna, nel 2019, non è stata un po’ Brigitta almeno per una parte della sua vita?

Brigitta, a parer mio è l’unico personaggio realmente femminista di Paperopoli -se prendiamo in considerazione le papere giovani e lasciamo un attimo da parte Nonna Papera, Amelia e Miss Paperett-. L’abbiamo vista protagonista di numerose imprese, come affarista insieme a Filo Sganga, qualche volta quasi in competizione con Paperone.

Questo personaggio è stato inventato dal cartoonista italiano Romano Scarpa e ha fatto la sua prima apparizione nel n° 243 di Topolino, “Zio Paperone e l’ultimo Balabù”, il 24 luglio 1960. Fin dall’inizio la vediamo intenta a cercare di conquistare invano il cuore di Paperone.
Come poteva non riuscire simpatica una caricatura tanto raffinata della femmina indipendente e moderna, che non vuole essere scelta ma vuole scegliere?
Una Paperina, che riesce ad avere fortuna quasi da subito col suo Paperino, è necessaria quanto una Brigitta che cerca costantemente di sciogliere il cuore del suo Paperone!

Non per niente il personaggio ha avuto un notevole successo in tutta Europa e la diffusione delle sue storie ha riguardato Germania, Finlandia, Danimarca, Francia e Stati Uniti (3 storie pubblicate in questo paese; presa a modello per un personaggio di Duck Tales).
Il suo lanciarsi assiduo in imprese lavorative curiose e ardue è sempre favorito dal fatto che Brigitta vuole dimostrarsi all’altezza di Paperone, il vecchio taccagno che un po’ le resiste per il suo attaccamento al denaro custodito nel deposito (che non dividerebbe con nessun altro), un po’ per il ricordo rimasto vivo del suo primo amore, Doretta Doremì, conosciuta quando era ancora cercatore d’oro nel Klondike.

Nel 2013 le fu assegnato anche un alterego da supereroina, come Brigittik vendicatrice dei cuori solitari.

Qualcuno dice che in amore vince chi fugge, io dico che magari vince chi non si arrende, come Brigitta.

Uomini e donne (devo essere politically correct) dovremmo essere tutti un po’ Brigitta… lei ha molto da insegnarci soprattutto nel campo dell’indipendenza professionale e degli affetti sinceri e duraturi.

A cura di Franny e Crystal.

3 risposte a "In ognuna di noi c’è un po’ di Brigitta"

Add yours

  1. Mah…. se parliamo di Lucy con Schroeder nei fumetti “Peanuts” posso capire, ma se i personaggi sono degli adulti….mah…. Brigitta mi sa di infantile e anche un po’ stalker.
    Completamente d’accordo sul fatto che sia una donna (papera) indipendente e quindi da stimare.

    "Mi piace"

  2. Brigitta fa ridere grandi e piccini! XD E’ studiata apposta per essere appiccicosa con Paperone (altro personaggio da approfondire) e tenera, un osso duro che non molla mai, è questa la sua forza. Paperone, sebbene “molestato”, in più fumetti mostra di avere un debole verso la Papera.Che non esita ad accantonarlo per buttarsi in affari con Filo Sganga, diventando anche avversaria in affari del papero più ricco del mondo!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: