La leggenda delle sarte e delle lucciole

Le lucciole per me sono un segno di chi non c’è più, sono la luce di un’anima che è rimasta accesa, in Terra, a proteggerci. È qualcuno che ci indica il cammino, che ci dice di avere forza, di resistere, di andare avanti, malgrado i dubbi, gli ostacoli, le cadute, le perplessità.
Ogni volta che vedo una lucciola, ultimamente, sento che non sono sola, che tutto si risolverà e andrà bene, che i miei sogni si realizzeranno, che le cose a cui tengo non le perderò.

Quando mi assalgono la tristezza e la malinconia, facendomi forte di questa convinzione le mando via, dicendomi che là fuori c’è una lucciola speciale, che veglia su di me. Sono tantissime le leggende legate alle lucciole, ce n’è una bellissima, in particolare che mi è piaciuta molto.

Nel folto di un bosco, vivevano due sarte a cui era stato commissionato un abito da sposa da una ragazza di città molto facoltosa. Le due donne non avevano molti ordini ed erano piuttosto povere, vivevano di quello che trovavano e del poco che guadagnavano. Quella commissione era molto importante per loro, ma il lavoro era molto duro e richiedeva diverso tempo. A un giorno dalla consegna, si trovarono a dover ancora apportare molte modifiche all’abito, che, per un motivo o per l’altro, non era venuto per niente bene. Lavorarono finché la luce del sole non le abbandonò e, al tramonto, con lo scendere della notte, si resero conto che purtroppo mancava parecchio da fare. In casa, non avevano più olio per accendere le lampade e non avevano neppure una candela… non avrebbero potuto continuare a cucire al buio!

Pensarono di rinunciare a quell’ordine importante, poi, accadde un miracolo! Uno sciame di lucciole che vagava per il bosco, udite le loro lamentele e i loro problemi, si infilò nel camino della loro casetta ed entrò illuminando completamente a giorno la stanza in cui si trovavano le due sarte. Le donne, sbalordite e felici, ripresero a lavorare… riuscirono così a terminare il vestito, che venne davvero bello, tanto che la sposa si complimentò moltissimo con loro. Qualcuno, al matrimonio, disse che quell’abito era davvero singolare, che brillava di una luce meravigliosa, come se tra le pieghe della gonna si fosse nascosta, qua e là, una piccola lucciola.

A cura di Franny.

3 risposte a "La leggenda delle sarte e delle lucciole"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: