Ciao sono Covid-19 di Autore Anonimo

Un’altra nostra amica ci ha inviato un video davvero commovente, sempre sulla situazione difficile che stiamo passando e che invita tutti nuovamente a riflettere! La nostra redazione è felice di passare questo tipo di messaggi! Se ne avete altri da segnalarci, inviateli e saremo lieti di pubblicarli! Anche se volete raccontare la vostra quarantena e passare un messaggio di speranza e di forza, scriveteci e noi lo trasmetteremo! UNITI CE LA FAREMO <3! Dobbiamo essere forti in un momento così duro… Le difficoltà non sono una punizione, fanno parte della vita e ci aiutano ad apprezzare la vita, le cose più piccole e che prima giudicavamo insignificanti! Stiamo tutti più vicini, anche lontani! Scriveteci!

L’autore del video e del pensiero è voluto restare anonimo, quindi non si conosce la sua identità.

“Ho riflettuto molto in questi giorni, cercando di dare un senso,

perché un fottuto senso ci dovrà pur essere in tutta questa assurda situazione

che siamo costretti a vivere…

Ho immaginato se il virus potesse parlare e ho immaginato ciò che direbbe,

attraverso una lettera, se potesse farlo.

E queste sono le parole che sono riuscito a mettere su un foglio:

“Ciao! Sono Covid-19,

molti di voi mi conosceranno molto più semplicemente

come Coronavirus.

Eh sì, sono proprio io.
Scusate il poco preavviso, ma non mi è dato far sapere quando arriverò,
in che forma e forza mi presenterò da voi.
Perché sono qui?
Beh, diciamo che sono qui perché ero stanco di vedervi regredire anziché evolvervi, ero stanco di vedervi continuamente rovinare con le vostre mani,
ero stanco di come trattate il pianeta,
ero stanco di come vi rapportate l’uno all’altro,
ero stanco dei vostri soprusi, delle vostre violenze, delle guerre,
dei vostri conflitti interpersonali e dei vostri pregiudizi…
Ero stanco della vostra invidia sociale, della vostra avidità,
della vostra ipocrisia e del vostro egoismo.
Ero stanco del poco tempo che dedicate a voi stessi e alle vostre famiglie;
ero stanco della poca attenzione che rivolgete spesso ai vostri figli,
ero stanco dell’importanza che spesso date alle cose superflue a discapito di quelle essenziali.
Ero stanco della vostra ossessiva e affannata ricerca continua del vestito più bello, dell’ultimo modello di smartphone, della macchina più bella,
solo per apparire realizzati.
Ero stanco dei vostri tradimenti, della vostra disinformazione,
del poco tempo che dedicate a comunicare tra di voi;
ero stanchissimo delle vostre continue lamentele quando non fate nulla per cambiare le vostre vite.
Lo so, sarò duro con voi, forse troppo, ma non guardo in faccia nessuno,
sono un virus.
Il messaggio che voglio dare è semplice: ho voluto evidenziare tutti i limiti della società in cui vivete, perché possiate eliminarli.
Ho voluto fermare tutto apposta, perché capiate che l’unica cosa importante
a cui dovete indirizzare tutte le vostre energie d’ora in avanti
è semplicemente una, la VITA… la vostra e quella dei vostri figli,
e a ciò che è veramente necessario per proteggerla, coccolarla e condividerla. Vi ho voluti il più possibile rinchiusi e isolati nelle vostre case,
lontani dai vostri genitori, dai vostri nonni, dai vostri figli o nipoti,
perché capiate quanto sia importante un abbraccio, il contatto umano, il dialogo, una stretta di mano, una serata tra amici, una passeggiata in centro, una cena in qualche locale o una corsa al parco all’aria aperta.
Da questi gesti deve ripartire tutto, siete tutti uguali!
Non fate distinzioni tra voi, io sono di passaggio, ma i sentimenti di vicinanza e collaborazione che ho creato tra di voi in pochissimo tempo, dovranno durare in eterno.
Vivete le vostre vite il più semplicemente possibile, camminate piano, respirate profondamente, fate del bene, godetevi la natura, fate ciò che vi piace e vi appaga e createvi le condizioni per non dover dipendere da nulla.
Quando voi festeggerete io me ne sarò appena andato, ma ricordatevi di non cercare di essere persone migliori solo in mia presenza. Addio…”

Condividiamo qui sotto il video:

A cura di Franny.

I commenti sono chiusi.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: