Regola n°1 : sorridere sempre

Io ho una regola, che cerco di seguire rigidamente ogni giorno, anche e soprattutto nei periodi più bui e tenebrosi, che richiedono una buona dose di tostaggine, per essere superati: sorridere.

Sorridere è un esercizio che funziona per i muscoli del mio viso. Sorridere è il mio antidoto ai pensieri cupi che cercano di avvolgermi e stritolarmi come i tentacoli di una piovra.

Ogni volta che sorrido, il sole torna a brillare dentro di me, anche se fuori piove.

Sorridere stimola l’ottimismo e la volontà di reagire e combattere.

Non a caso, quando gli altri ci sorridono- sia che si tratti di un familiare, un amico/a, un conoscente, un passante- ci sentiamo subito un po’ meglio!

Secondo alcuni studi, sorridere o anche tentare di abbozzare un sorriso, può migliorare il nostro stato d’animo. È un rimedio gratis, che riduce l’ansia, lo stress, ottimizza l’apprendimento, la memoria e la produttività. Inoltre, fa bene persino alla nostra salute!

Non aspettare che l’ansia ti passi, falla passare! Un sorriso ti rilasserà!

E poi non sai che chi sorride e abbraccia la vita appare più bello?

Cercare di sorridere nonostante tutto, non significa essere sempre felici, bensì forti, determinati a non lasciare che nulla scalfisca la nostra serenità interiore.

È un atteggiamento da guerrieri jedi. Avete mai visto Yoda preoccupato o teso in maniera irreversibile?

Quando mi sento giù, penso a cosa farebbero i miei eroi preferiti nella mia situazione e allora mi dico “questa difficoltà è la mia avventura personale, chissà cosa ne ricaverò di buono!”.

Poi ci sono giornate in cui tutto va in pezzi, in cui sembra davvero che il tuo destino sia non riuscire mai in quelle che sono le tue grandi e piccole aspirazioni! E allora cosa faccio?

Allora guardo indietro, mi fisso la punta delle scarpe e ripenso a tutti i passi che ho compiuto e agli ostacoli che ho affrontato.

Quando conosci la vera sofferenza, ti rendi conto che quello di cui ti lamenti tu sono bazzecole e allora sorridi, sorridi per darti coraggio, sorridi per essere l’eroe di chi ne ha bisogno e dare coraggio e conforto al prossimo.

Quando arrivi a un passo dalla morte e ne esci inspiegabilmente miracolato, pure ti dici “ma cosa mi preoccupo a fare? Meglio sorridere”.

Alcuni ti odieranno perché ti vedono spesso sorridere e si chiederanno perché tu sia stato così fortunato/a. Ma non dovrai demordere, altri impareranno ad abbandonare l’ombra grazie a te, se non smetterai di combattere sorridendo.

Ognuno ha le proprie battaglie, le affronterai meglio se raccoglierai le forze in un sorriso determinato.

Se ti manca l’entusiasmo, torna a sorridere con un po’ di musica motivazionale positiva:

A cura di Franny.

I commenti sono chiusi.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: